Ceccano: gli auguri di Pasqua da parte di tutta la dirigenza rossoblù

Sergio Milo

Una Pasqua anomala. Il Coronavirus ha ridimensionato anche una ricorrenza così profonda dal punto di vista religioso. Il calcio, nel suo piccolo, non conosce ancora il proprio futuro. Tante sono ancora le incognite da dirimere. Nel frattempo l’intera dirigenza del Ceccano rivolge i più sinceri auguri alle famiglie dei tifosi rossoblù e non solo:

“Stiamo vivendo un momento drammatico dal quale siamo convinti che ne usciremo – si legge nella nota. – Da parte nostra siamo vicini a quanti stanno lottando per sconfiggere questo terribile virus e vicini alle famiglie che hanno perso i loro cari, non potendo nemmeno salutarli. Ma intanto vogliamo rivolgere gli auguri a quanti tengono a cuore le sorti del Ceccano che, è bene ricordarlo, quest’anno si appresta a festeggiare i cento anni della sua fondazione.

Gli auguri intanto vanno a tutti i nostro concittadini, in particolare ai nostri meravigliosi tifosi che non ci fanno mai mancare il loro sostegno e affetto. E poi a tutti i nostri tesserati, dallo staff tecnico e logistico ai giocatori che stanno seguendo da casa le indicazioni che la società ha loro impartito.

Ma non possiamo non augurare una Santa Pasqua anche a tutti gli sponsor che non hanno fatto mancare il loro sostegno, fondamentale per portare avanti un campionato impegnativo come la Promozione. Tutti uniti ce la possiamo fare, sperando che accada quanto prima per tornare ad abbracciarci magari per un gol del Ceccano e per tante altre gioie.

Infine doveroso ricordare di attenersi alle diposizioni delle autorità, restando a casa specie in vista di Pasqua e Pasquetta. Perché è l’unico modo per sconfiggere questo terribile avversario e batterlo anche grazie all’impegno della grande famiglia rossoblù. Buona Pasqua a tutti”.

Una Pasqua anomala. Gli auguri del calcio locale, però, non mancano mai. In attesa di tornare sul campo al più presto.