Sora naviga in acque a dir poco agitate: Giovanni Palma lascia il club!

Giovanni Palma

Acque a dir poco agitate in casa Sora. Prima l’addio con polemica di Stefano Berardi, ieri la notizia di un clamoroso esonero di Alessandro Del Grosso e, tanto per non farsi mancare nulla, nella tarda serata di ieri il comunicato del presidente Giovanni Palma.

Attraverso il suo profilo Facebook, infatti, il numero 1 del club ha reso nota la sua volontà di fare un passo indietro: “Ritengo gravissime le minacce, le offese e le diffamazioni ricevuto nell’ambito di una dichiarazione ufficiale nella quale il sottoscritto ha solo dichiarato di voler perseguire le accuse perpetrate da ex-tesserati, lautamente ricompensati dal sottoscritto, per il periodo di competenza in cui hanno prestato la loro opera per il Sora calcio – si legge. – Ritengo il clima creato ad arte per ostacolare i risultati sportivi per il raggiungimento dei quali sono stati dal sottoscritto profusi enormi sforzi economici. Il sottoscritto compie un passo indietro rinunciando alla carica di Presidente dell’Asd Sora calcio 1907″. 

Un fulmine a ciel sereno in un momento davvero delicato per il Sora Calcio. A scatenare la reazione di Giovanni Palma, almeno a quanto sembra dallo scambio di vedute sui social, i commenti su Facebook a seguito di un altro post del presidente che riportiamo di seguito.

Il post che ha scatenato polemiche

“L’Asd Sora Calcio 1907, nella persona del Presidente Avv. Giovanni Palma, rende noto che le dichiarazioni rese dagli ex tesserati della Società sono state poste al vaglio della magistratura competente. Infatti le frasi denigratorie e diffamatorie postate sui social integrano fattispecie di reato penalmente perseguibili, per le quali il sottoscritto andrà personalmente fino in fondo.

Le dichiarazioni di tali soggetti, oltre che essere privo di ogni fondamento, sono volte nel chiaro intento di destabilizzare la società per favorire evidentemente ingressi di persone al sottoscritto non gradite che avrebbe dovuto, voluto e preteso amministrare la società con i soldi del sottoscritto ed in qual caso nessuna contestazione sarebbe stata fatta. Personalmente il sottoscritto ritiene gravissimo che sotto tali commenti social siano apparsi segni di like o addirittura cuori come nel post Berardi, nella persona del capitano del Sora sig. Federico Di Stefano.

È evidente che tali strategie sono coordinate e poste in essere con l’unione di pochi tifosi, per allontanare il sottoscritto dalla piazza di Sora. Anche gli insulti a calciatori che a detta di detta frangia di personaggi giocano al posto del sig. Di Stefano Federico rientrano nella strategia contestativa che questa proprietà sta sopportando da inizio campionato. Pertanto si chiede a codesti individui di palesarsi e di mostrare le sostanze economiche per assicurare la sopravvivenza della matricola iscritta al campionato dal sottoscritto. Sora ai sorani d’accordo, ma con portafoglio proprio e non con quello degli altri”. 

Un pensiero che ha scatenato valanghe di commenti. E, a seguito di questi ultimi, la decisione di Giovanni Palma di lasciare la presidenza del club bianconero. Che ne sarà del calcio a Sora? Sono giorni caldi dalle parti del “Tomei”. Attese novità in giornata.