Sora batte due colpi: ecco Orientale Caputo e il “Maradona delle Ande”

Sora si tuffa nel mercato
Fonte: Facebook Sora Calcio 1907

Archiviata con entusiasmo la prima vittoria esterna della stagione, il Sora si tuffa a pieno regime nel mercato. Erano nell’aria da giorni due innesti ma ora sono arrivate anche le conferme ufficiali. Il difensore  Ivan Orientale Caputo e il fantasista Roberto Merino Ramirez vestiranno bianconero dalla prossima partita contro l’Audace.

Il centrale difensivo mancino, classe ’96, proviene dal San Giorgio (Eccellenza campana, girone A). In questa stagione ha collezionato 12 presenze e 2 reti e annovera trascorsi  nella Scafatese e nella Frattese.

Il trequartista peruviano, classe ’82, proveniente dallo Spoleto (terzo in Eccellenza umbra) e con trascorsi italiani nella Salernitana in Serie B, nella Nocerina e nella Torres. Soprannominato “il Maradona delle Ande” il neo acquisto sorano è un elemento dotato di grande tecnica e di un sinistro letale. Vanta nel suo curriculum una presenza nella nazionale peruviana e trascorsi importanti nelle massime serie peruviane, greche e svizzere. 

Il comunicato del club

Ma chi si aspettava un esodo dei big già presenti nella rosa a disposizione di mister Del Grosso dovrà ricredersi. Circolavano, infatti, voci circa addii importanti in casa Sora, prontamente smentiti dal presidente Giovanni Palma attraverso un comunicato ufficiale.

“Il Presidente del Sora Calcio 1907, Avv. Giovanni Palma, rende noto che i calciatori Di Stefano, Reali e Faiola sono parte integrante e fondamentale del progetto tecnico e societario – si legge nella nota diramata dal club. – Pertanto, al fine di porre fine a qualsiasi speculazione in questa fase fondamentale del campionato, il sottoscritto esclude categoricamente che gli stessi possano svincolarsi a qualsiasi titolo per questa stagione calcistica 2019-20 e qualsiasi loro, o di chi per loro, richiesta di trasferimento non verrà presa in minima considerazione da questa proprietà.

Allo stesso tempo si richiede agli stessi di interrompere ogni tipo di trattativa con altre società, perché deleteria all’equilibrio del gruppo creato. Si ricorda a detti calciatori che la piazza di Sora non ha nulla da invidiare a squadre come Ausonia, Arce, Palestrina etc., anzi! Le scelte tecniche di mister Del Grosso sono ampiamente supportate dalla compagine societaria, ed il fatto che detti calciatori intrattengano rapporti più che amicali con direttori di altre squadre del girone non verrà più tollerato al fine di salvaguardare il gruppo che nell’ultimo mese ha fatto si che la classifica deficitaria fosse resa più consona al progetto”. 

Il Sora si tuffa a pieno regime nel mercato, attesa per altri innesti di spessore per risalire la classifica del girone B.