Frosinone – Cosenza, la delusione di Nesta

Alessandro Nesta al termine della sfida contro il Cosenza non può essere soddisfatto

Ancora un passo falso, nuovo vantaggio vanificato e un Frosinone che si ritrova nei bassifondi della classifica dopo sei giornate del campionato di Serie B 2019/2020. La classifica dei ciociari dopo il pareggio interno con il Cosenza inizia a farsi davvero preoccupante con lo spettro play out dietro l’angolo e le “grandi” che iniziano a scappare a suon di vittorie. Dopo Frosinone – Cosenza la delusione di Nesta è palpabile:

“Siamo tutti delusi ma oggi qualche palla gol l’abbiamo creata. Il Cosenza si è difeso bene, ha perso tempo per tutta la gara e ha portato a casa quello che voleva, un punto. Sicuramente con qualche risultato positivo in più le cose sarebbero più fluide. Non è un calcio complicato il mio, chiedo di giocare la palla corta, cerco di favorire le scelte. Cerco di mettere i giocatori nelle condizioni migliori, non improvvisando”.

A fine gara dopo i fischi assordanti del “Benito Stirpe” Alessandro Nesta si è recato sotto la Curva Nord a parlare con i tifosi. I sostenitori, dopo aver incitato la squadra per tutta la durata della partita, non hanno perdonato al Frosinone un pareggio deludente contro un Cosenza che, almeno secondo i pronostici, dovrebbe lottare per la salvezza e non per le zone nobili della graduatoria come i ciociari.

“Ogni tanto deve andarci anche l’allenatore sotto la curva. Se avessimo giocato male avrei mandato i giocatori, ma oggi i ragazzi si sono impegnati tanto e non hanno giocato male. I tifosi sono stati bravi, stanno dalla nostra parte. È giusto che tuonino anche loro, è un diritto.  Come si trova il gol? Mettendo più cattiveria, i nostri attaccanti devono buttar giù la porta”.

Gli attaccanti non segnano

Dopo Frosinone – Cosenza la delusione di Nesta deriva anche da altri aspetti. Sono andate in archivio sei giornate del campionato di Serie B 2019/2020 e la costante in casa Frosinone è sempre la stessa: gli attaccanti non segnano. Fatta eccezione per il penalty trasformato da Federico Dionisi nel match contro l’Ascoli e per il calcio di rigore realizzato oggi contro il Cosenza da Camillo Ciano, non si segnalano a referto altre marcature dei “bomber” giallazzurri. Un dato quantomai preoccupante per mister Nesta anche considerando che le occasioni non sono mai mancate: i vari Trotta, Citro e Novakovich, purtroppo, stanno dimostrando scarsa vena realizzativa e Dionisi è fermo ai box per infortunio.