Perugia – Frosinone, Brighenti: “Non facciamo drammi”

Nicolò Brighenti, difensore del Frosinone, a testa alta dopo la sconfitta contro gli umbri

Morale sotto i piedi in casa Frosinone dopo la dèbacle di Perugia. Con la sconfitta patita al cospetto dei biancorossi allenati da Oddo, i ciociari iniziano ad allontanarsi pericolosamente dalle zone di graduatoria auspicate all’inizio del campionato di Serie B 2019-2020:

“Evidente che siamo in difficoltà. Dobbiamo metterci in discussione tutti. Purtroppo c’è poco da salvare in questa partita ma non facciamo drammi”.

Anche un pizzico di sfortuna per la squadra canarina che, sotto di una rete, si è vista negare un calcio di rigore abbastanza evidente per un fallo ai danni di Camillo Ciano e ha sfiorato il gol con il giovane Tribuzzi. Nonostante questo, però, la prestazione è stata tutt’altro che positiva.

“Guardiamo in faccia la realtà e andiamo avanti pensando subito alla sfida contro il Cosenza. Ci aspetta una battaglia ma dobbiamo fare punti perché ora, anche a livello psicologico, ci servono come il pane”.

L’episodio

La sconfitta patita al “Renato Curi” dal Frosinone è, numeri alla mano, giusta. Il portiere dei padroni di casa Vicario, infatti, non ha dovuto compiere interventi rilevanti per salvare i suoi. Ma a gridare vendetta è anche l’operato del direttore di gara, il signor Abbattista: l’arbitro decreta giustamente due calci di rigore per il Perugia nel primo tempo ma, con il punteggio sul 2-1 in favore degli umbri, non concede la massima punizione al Frosinone per un netto fallo di Falasco ai danni di Ciano.

Perugia - Frosinone
Fonte: Perugia Calcio

Nel finale ci ha pensato il giovane Kouan a siglare il tris perugino e a certificare il momento negativo della truppa canarina. L’impressione è che il Frosinone, al di là del risultato, abbia decisamente bisogno di una svolta a livello mentale, come sottolineato nel post match anche da Luca Paganini.