Anagni, buon pareggio contro l’Arzachena

Clamoroso ad Anagni

Tataranno nel finale timbra il 2-2 su rigore

Un Città di Anagni tutto cuore e grinta si prende un pareggio prezioso contro l’Arzachena. Per due volte in svantaggio, la squadra di Mancone ha la forza di prendersi un punto contro una squadra che, stando alla classifica odierna, è una diretta concorrente per la salvezza nel girone G di Serie D. Passi in avanti per l’Anagni anche se la strada verso la permanenza nella categoria rimane in salita e piena di ostacoli.

Passi in avanti per l’Anagni: la cronaca

Alla prima vera azione dell’incontro arriva la doccia fredda per l’Anagni: Ruzzittu approfitta di una indecisione di Ancinelli per involarsi da solo verso la porta e battere l’incolpevole Giuliani. Al 15’ una punizione calciata da Binaco impensierisce il portiere ospite che devia il pallone in angolo. Sul successivo corner battuto da Flamini, Cardinali è bravo a prendere il tempo a Sirigu e ad indirizzare di testa il pallone verso la rete ma è ancora Ruzittu a negare la gioia del gol al centravanti biancorosso.

Al 20’ l’Anagni trova il meritato pari: Flamini è bravo ad approfittare di un’uscita approssimativa del portiere ospite con il pallone che danza in area di rigore. All’altezza del dischetto il numero 10 anagnino colpisce la palla verso la porta sguarnita. Ma al 25’ è ancora Arzachena: Pozzebon brucia sul tempo Ancinelli che allunga il piede e stende il numero 10. Per l’arbitro è calcio di rigore. Sul dischetto va lo stesso Pozzebon che spiazza Giuliani infilando il pallone alla sinistra del portiere. Sardi di nuovo in vantaggio al “Tintisona” di Paliano.

Nel secondo tempo c’è solo l’Anagni in campo: al 4′ Pastore colpisce di testa ma il pallone termina alto di un soffio con il portiere battuto. Ci prova anche Flamini qualche minuto più tardi ma la sua conclusione da fermo si spegne a lato. L’Arzachena non rischia molto ma si limita a difendere il minimo vantaggio, errore che viene pagato a caro prezzo. Corre il 42′, infatti, quando Cardinali viene steso in area da Santinon. Per Trevisan è calcio di rigore che  Tataranno realizza. Nell’ultimo minuto i biancorossi avrebbero anche il pallone del sorpasso ma Ruzittu è prodigioso nel deviare in corner una conclusione del neo entrato Pagliarini. Passi in avanti per l’Anagni: limare gli errori difensivi e acquisire maggiore cinismo in avanti, a quel punto si potranno dormire sonni tranquilli.

Il tabellino

Città di Anagni: Giuliani, Ancinelli, Cipriani, Pastore, Casavecchia, Russo (20’st Pagliarini), Tataranno, Binaco, Cardinali, Flamini (31’st Capuano), Sosa (34’st Pappalardo). A disposizione: Capogna, Capodanno, Dolce, D’Amicis, Di Franco, Neccia. Allenatore: Mancone

Arzachena: Ruzittu, Gentile T., Gentile P. (1’st Marinari), Bragagnolo (23’st  Peana), Sirigu, Steri, Santinon, Olivera, Petronelli (20’st Rossi), Pozzebon, Ruzzittu (30’st Islamaj). A disposizione: Cotardo, Patta, Ponzat, Carboni. Allenatore: Giorico

Arbitro: Trevisan di Mestre
Assistenti: Gnocco di Este, Cerrato di San Donà di Piave
Marcatori: 2’pt Ruzzittu, 20’pt Flamini, 25’pt rig. Pozzebon, 42’st rig. Tataranno
Ammoniti: Ruzittu, Petronelli, Santinon, Rossi, Flamini, Casavecchia.