Atletico Fiuggi, Filippo D’Andrea: “Mi trovo benissimo in questa società”

D'Andrea all'attacco

Potremmo definire Filippo D’Andrea come il giocatore simbolo dell’Atletico Terme Fiuggi.  L’attaccante è anche il capitano della squadra allenata da Beppe Incocciati ed è al suo terzo anno con la società cara al presidente Ciaccia. Il bomber riassume così la stagione dei termali ai canali ufficiali del club:

“Sicuramente si poteva fare di più. Abbiamo dimostrato di potercela giocare con squadre di alto profilo mentre in alcune situazioni, con formazioni sulla carta alla portata, forse siamo stati troppo presuntuosi e non siamo riusciti a dare il massimo. La nostra classifica poteva essere migliore, su questo non c’è dubbio. Anche a livello personale avrei potuto fare meglio anche se, con le ultime otto partite che restavano, qualche altro gol lo avrei potuto fare raggiungendo magari il livello dello scorso anno quando ne segnai 18. Per un attaccante i gol sono importanti ma soprattutto devono aiutare la squadra a vincere”.

D’Andrea parla poi delle proposte della LND che saranno vagliate nei prossimi giorni in merito al congelamento delle classifiche e a relative promozioni e retrocessioni:

“Secondo me sarebbe stato più giusto congelare la classifica senza promozioni e retrocessioni a tavolino. Comunque, con otto partite a disposizione poteva accadere ancora di tutto. Ma d’altro canto una decisione andava presa anche se ha scontentato più di qualcuno”.

Riguardo invece il lungo periodo di inattività l’attaccante afferma:

“Il calcio è la nostra vita e stare tutto questo tempo fermo mi ha fatto sicuramente molto male. Inizialmente sembrava che potessimo riprendere e per un po’ ci abbiamo creduto. Ma poi è stata in discussione anche la Serie A quindi abbiamo capito che per noi Dilettanti forse era veramente finita lì”.

Come detto in apertura, per Filippo D’Andrea si è stata la terza stagione con questo club.

“Sì, ormai sono tre anni che lavoro con il presidente Ciaccia e mi trovo benissimo. Tra noi si è instaurato un bel rapporto”.