Il Città di Anagni retrocede in Eccellenza, ipotizzabile un ricorso?

Serie D, Salviamoci

La mobilitazione di 31 società con il Gruppo “Serie D, Salviamoci” non è bastata a salvare la categoria. Il Consiglio Federale di questa mattina, infatti, ha sposato le proposte della Lega Nazionale Dilettanti e le conseguenti retrocessioni delle ultime quattro squadre di ciascun girone. Atteso solo il comunicato ufficiale, dopodiché per il Città di Anagni si riapriranno le porte dell’Eccellenza.

Confermate anche le promozioni in Serie C. Possono sorridere Lucchese, Pro Sesto, Campodarsego, Mantova, Grosseto, Matelica, Turris, Bitonto e Palermo. Città e squadre autorizzate finalmente a far festa, responsabilmente e nel rispetto delle norme.

Resta da sciogliere il nodo relativo alla quarta retrocessione nel Girone D (Crema-Sammaurese), i criteri di ripescaggio dalla Serie D alla Lega Pro con Foggia, Campobasso e Savoia tra le formazioni più interessate in questo senso, oltre alle disposizioni relative alle promozioni dall’Eccellenza alla Serie D. Sotto questo punto di vista, invece, attende l’ufficialità per festeggiare l’Insieme Ausonia. 

Un’altra puntata di un’estate che si preannuncia bollente. Il Gruppo “Serie D, Salviamoci”, coordinato dall’Avvocato e Presidente del Grumentum Val D’Agri, Antonio Petraglia e dal portavoce Antonio Erario, sicuramente non rimarrà fermo di fronte a tali decisioni.

Facilmente ipotizzabili ricorsi da tutta Italia. Proprio il caso di dire che il Covid-19 ha sancito  36 retrocessioni in Eccellenza. Le dirette interessate possono rimanere con le mani in mano?