Sora non svolta: stop in casa con Ravenna

La trasferta di Piacenza
Fonte: Facebook Argos Volley Sora

Argos Sora 1 – Consar Ravenna 3

Argos Sora ancora sconfitta. Al PalaCoccia di Veroli la Consar Ravenna supera i locali per 1-3 e incamera i suoi primi 3 punti in questo campionato di SuperLega.

Gara dall’avvio equilibrato. Le due formazioni si superano e poi agganciano. Passa prima in vantaggio il Ravenna ma il Sora la riacciuffa grazie all’ace di Joao Rafael.  Il primo break a +3 è in favore ospite, con Ter Horst abile a piazzarla dove Sorgente non arriva. La Globo spezza il fiato e si rimette in corsa prima grazie ad un errore dei biancorossi poi grazie alla precisione di Caneschi. Vernon Evans vanifica gli sforzi volsci andando a segno in parallela. La diagonale stretta di Ter Horst implementa il gap. La Globo non reagisce e il set scivola via sul 16-25.

La Globo del secondo set è più guardinga e propositiva e con Fey si porta sopra di misura al Ravenna. Il PalaCoccia esplode dopo un salvataggio miracoloso di Fey che consente a Joao Rafael di finalizzare e mantenere il surplus. Il +1 ha vita troppo breve, però. La Consar prima attacca per il pari e poi con il pallonetto di Cortesia ribalta. Joao Rafael, in pipe, mette la sigla sul 18-15. Vernon Evans si riscatta riaprendo il parziale in volata. Finale accesissimo e tutto da scrivere in corsa. Come prevedibile si va ai vantaggi, di punto in punto. Uno sfortunato Sora brucia 3 set point e Vernon Evans piazza lo 0-2 (27-29).

Parte bene la Globo nella terza frazione, imponendosi presto per 6 a 2. Ma quello che era uno spaesato Ravenna riacquista subito la lucidità necessaria per rimontare. Un servizio out biancorosso lascia il +1 ai padroni di casa, Fey filtra tra le maglie del muro avversario e bissa il vantaggio. Un block di Caneschi tiene tutto fermo sul 14-14. Il Sora conduce con caparbietà e grinta. Joao Rafael guida la sua squadra a suon di punti e conquista il set ball, concretizzato poi con un suo muro: 25-18 e 1 a 2 in fatto di conteggio set.

Copione al contrario nel quarto tempo che vede la falsa partenza volsca e la predisposizione offensiva dei romagnoli. Grozdanov al servizio spara a rete: 4-8, Ter Horst timbra nei 3 metri e allarga la forbice. La Globo subisce e la Consar si porta sul 7-16. Sora perde fiducia nei propri mezzi: qualche sprazzo di volontà ma non basta. Gli avversari si aggiudicano il match chiudendo il quarto parziale 17-25. Argos Sora ancora sconfitta.

Il tabellino

Globo BPF Sora: Alfieri, Caneschi 9, Fey 6, Joao Rafael 17, Grozdanov 1, Di Martino 2, Miskevich 15, Radke 5, Sorgente (L), Mauti (L), Scopelliti, Van Tilburg n.e., Battaglia n.e. Allenatore: Maurizio Colucci

Consar Ravenna: Cortesia 2, Ter Horst 27, Saitta 2, Vernon-Evans 15, Lavia 13, Alonso 3, Kovacic (L), Stefani, Bortolozzo 3, Grozdanov 1, Cavuto, Recine n.e., Martinelli n.e., Marchini (L) n.e. Allenatore: Marco Bonitta

Parziali: 16-25, 27-29, 25-18, 17-25
Note: durata set: 25′, 39′, 25′, 23′; spettatori: 514
Statistiche:  Sora: Battute sbagliate 15, ace 4, ric. Pos. = 55%(perfetta 31%), muri (8), errori 9; Ravenna: Battute sbagliate 17, ace 4, ric. pos. = 41%(perfetta 20%), muri (5), errori 10.