Alle ore 18 amichevole di lusso per l’Argos Sora

L'appuntamento è con la Tunisia.
Fonte: ufficio stampa Argos Volley Sora

Sebbene l’appuntamento con lo spettacolo della SuperLega torni il 26 dicembre, nel giorno di Santo Stefano, per la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, è tempo di tornare in campo per non fermare la propria corsa verso un nuovo ciclo.

Oggi alle ore 18 i bianconeri aspettano il loro pubblico tra le mura del PalaGlobo “Luca Polsinelli” di Sora per un allenamento congiunto extra lusso. I volsci incroceranno i loro palloni con quelli della Nazionale tunisina. 

Se per gli uomini di coach Colucci questo sarà un test importante per non perdere il ritmo e affinare le armi ancor di più in vista del girone di ritorno, per gli atleti ospiti sarà la situazione adatta a implementare la preparazione alla seconda fase di qualificazione olimpica  che ci sarà in Egitto a gennaio, obiettivo Tokio 2020.

Le dichiarazioni di Adi Lami

“Siamo felici di poterci misurare anche con una Nazionale. Questa sarà un’ulteriore gara che dovrà aiutarci ad oliare meglio certi meccanismi interni”.

Le dichiarazioni di Maurizio Colucci 

“Troveremo una squadra pronta a dare battaglia e in ottima condizione fisica. La nazionale Tunisina di coach Giacobbe, campione d’Africa in carica, parteciperà infatti al torneo di qualificazione olimpica che si terrà in Egitto dal 6 al 12 Gennaio e sta effettuando amichevoli con squadre italiane per trovare continuità di gioco. I tunisini sono tra i favoriti alla conquista dell’unico ticket olimpico in palio nel torneo. Dovranno vedersela con Algeria, Botswana, Cameroon, Egitto, Ghana e Niger. Il giocatore più rappresentativo è Wassim Ben Tara, opposto classe ’96 in forza all’ Ajaccio. Sarà quindi un test molto utile anche per noi, per tenere nelle gambe il ritmo partita in vista dell’impegno casalingo con Verona”.

Per chi non volesse perdersi il test match dal sapore esotico, l’appuntamento è alle ore 18. Un momento per il pubblico sorano di stringersi attorno ai propri beniamini tra le confortevoli mura del PalaGlobo di via Ruscitto e vederli ancora una volta all’opera per alimentare un sogno.